Ristoranti e Trattorie rivista di informazione. Testata giornalistica in corso di regitrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.Web Mouse Consulting Tutti i diritti riservati
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
PIZZERIE E PUB
Come preparare la Verace Pizza Napoletana a O' Vesuvio Firenze
toscana (firenze) firenze
pubblicato il 26/11/2013 12:00:00 nella sezione "Pizzerie e pub"


Come preparare la Verace Pizza Napoletana  a O Vesuvio Firenze
Come preparare la Verace Pizza Napoletana
Per produrre al meglio la nostra pizza prendiamo spunto dal “Disciplinare della Verace Pizza Napoletana” Il Disciplinare fissa determinati parametri da seguire per la realizzazione dell'autentico prodotto, tra i quali:
Ingredienti
...."materie prime di base caratterizzanti la «pizza Napoletana» sono farina di grano tenero tipo «00» con l'eventuale aggiunta di farina tipo «0», lievito di birra, acqua naturale potabile, pomodori pelati e/o pomodorini freschi, sale marino o sale da cucina, olio d'oliva extravergine. Agli ingredienti base devono essere aggiunti, per la «pizza Napoletana Marinara», l'aglio e l'origano; per la «pizza Napoletana Margherita Extra», mozzarella di bufala campana DOP, basilico fresco e pomodoro fresco; per la «pizza Napoletana Margherita»".

Preparazione
si mescolano farina, acqua, sale e lievito. Si versa l'acqua nell'impastatrice, si scioglie del sale marino, si aggiunge della farina, successivamente si stempera del lievito di birra, si avvia l'impastatrice e si aggiunge gradualmente dell'altra farina, fino al raggiungimento della consistenza desiderata, definita punto di pasta. Tale operazione deve durare 10 minuti. L'impasto deve essere lavorato nell'impastatrice preferibilmente a forcella per 20 minuti a bassa velocità fino a che non si ottiene un'unica massa compatta.

Lievitazione
l'impasto, una volta estratto dall'impastatrice, viene posto su un tavolo da lavoro della pizzeria dove si lascia riposare. Trascorse le 2 ore di lievitazione si passa alla formatura del panetto, che deve essere eseguita dal pizzaiolo esclusivamente a mano. Con l'ausilio di una spatola si taglia dall'impasto deposto sul bancone una porzione di pasta lievitata e successivamente le si da' una forma di panetto. Per la «pizza Napoletana», i panetti devono avere un peso compreso tra i 180 ed i 250 g; seconda fase della lievitazione: una volta formati i panetti, avviene una seconda lievitazione in cassette per alimenti.

Formatura della pizza
....passate le ore di lievitazione il panetto viene estratto con l'aiuto di una spatola dalla cassetta e posto sul bancone della pizzeria su un leggero strato di farina per evitare che la pagnotta aderisca al banco di lavoro. Con un movimento dal centro verso l'esterno e con la pressione delle dita di entrambe le mani sul panetto, il pizzaiolo forma un disco di pasta in modo che al centro lo spessore sia non superiore a 0,3 cm e al bordo non superi 1-2 cm, formando cosi' il «cornicione». Per la preparazione della «pizza Napoletana STG» non sono consentiti altri tipi di lavorazione, in particolar modo l'utilizzo di matterello e/o di macchina a disco tipo pressa meccanica.

Farcitura
Pizza Marinara pomodori pelati, un pizzico di origano, uno spicchio di aglio, olio di oliva; Pizza Margherita; pomodori pelati, mozzarella fior di latte, basilico; Pizza Margherita Extra; pomodori pelati, mozzarella di Bufala Campana, basilico e olio di oliva;

Cottura
il pizzaiolo trasferisce sulla pala, aiutandosi con un poco di farina, la pizza farcita, che viene fatta scivolare sul piano del forno con un movimento rapido del polso tale da impedire la fuoriuscita della farcitura. La cottura della «Pizza Napoletana STG» avviene esclusivamente in forni a legno, dove si raggiunge una temperatura di cottura di 485 °C, essenziale per ottenere la pizza napoletana. Il pizzaiolo deve controllare la cottura della pizza sollevandone un lembo, con l'aiuto di una pala metallica, e ruotando la pizza verso il fuoco, utilizzando sempre la stessa zona di piano iniziale per evitare che la pizza possa bruciarsi a causa di due differenti temperature. Al termine della cottura, il pizzaiolo preleverà la pizza dal forno e la deporrà sul piatto da portata. I tempi di cottura non devono superare i 50-80 secondi. Dopo la cottura la pizza si presenterà con le seguenti caratteristiche: il pomodoro, resterà denso e consistente, la mozzarella di bufala campana DOP o la mozzarella STG si presenterà fusa sulla superficie della pizza; il basilico così come l'aglio e l'origano svilupperanno un intenso aroma, apparendo alla vista non bruciati.



Caratteristiche del prodotto finale
La «Pizza Napoletana STG» si presenta come un prodotto da forno tondeggiante, con diametro che non deve superare 35 cm, con il bordo rialzato (cornicione) e con la parte centrale coperta dalla farcitura. La parte centrale sara' spessa 0,3 cm, il cornicione 1-2 cm.

La pizza nel suo insieme sara' morbida, elastica, facilmente piegabile a «libretto».
La pizza napoletana va consumata immediatamente, appena sfornata, negli stessi locali di produzione, l'eventuale asporto del prodotto verso abitazioni o locali differenti dalla pizzeria determina la perdita del marchio.

Pizzeria O' Vesuvio
Firenze (Firenze)
Tel:055 285487
Website:www.ovesuviofirenze.com
Condividi nei social network   
CERCA IL TUO RISTORANTE
Cerca negli articoli


ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News & Curiosità
La mia cucina con vista sullArno
Food&Wine in Progress a Firenze il 2 e 3 Dicembre 2017
A ROMA IL RISTORANTE MANSIO
L’arte di fare un pecorino un pecorino d’arte-  Paolo Piacenti
CUORE E GUSTO
Ristoranti Tipici
TASTE A SCHOOL RESTAURANT EXPERIENCE
SCOPRIRE LA TOSCANA CON GUSTO A LE NANE
La cucina romana unita ai sapori della tradizione ebraica
Spuntineria nel cuore della Val dOrcia
Da Nerbone ai mercati generali di Firenze
Ristoranti di Pesce
Ristorante La Voce del Mare pesce fresco e passione per la ristorazione napoletana
 Ristorante The Cesar de La Posta Vecchia
Da Claudio è la pescheria dei Milanesi per antonomasia
Sa Tanca Crostaceria
Mangiare pesce crudo a la Spezia
Osterie e trattorie
Loste dell Acquacheta con un bicchier di buon vino si cheta
OSTERIA DE LORTOLANO
Da lOsteria Le Logge e Gianni Brunelli
LOsteria Gusto antichi sapori della cucina laziale a Roma
Vegetariani
Cucina Vegan Libreria Brac a Firenze
La cucina inclusiva di Antonio Tomaselli chef e direttore operativo di GhEA.
Ristoranti del mondo
Ristorante indiano Tara
Ristorante Indiano Shiva
Ristoranti bambini
Ristorante Happy Sauro
La Grotta di sale a Milano
Ristorante al Barrito
Luxury Food
BORSARI 36 Ristorante
Prenota o regala una cena in un castello medievale al Ristorante L’Angelo a Teatro
A cena in elicottero allAuener Hof
Pizzerie e pub
L Antica Pizzeria da Michele
Come preparare la Verace Pizza Napoletana  a O Vesuvio Firenze
Zero Distanze a Marina di Scarlino si Mangia Così
Ristoranti per cerimonie
Agriturismo Angeli Biondi
Terzo Di Danciano Un’incantevole Villa Del 700
Castello Di Roppolo per un matrimonio da Fiaba
Vini
Confezione in legno Occhio di Pernice RAVAZZI per gli amanti delle cose uniche
 Offerta Speciale Cantine Ravazzi Vino Toscano 12 Bottiglie A Sole .5600
Igt Toscana rosso L’Attesa 2008
Novello bianco Toscano IL GERMOGLIO
Cuochi
Simone Rugiati
Carlo Cracco
Continua a Brillare la Stella della Stbe Hermitage
Fabio Tira Un Talento Giramondo
Gualtiero Marchesi
Ricette
Arrosto di Pesce Spada dello Stretto  Mazzancolle Mediterranee al Pistacchio  ai Sesami ed al Riso soffiato e Lampone
Papilla Monella presenta:Fettuccine di Zucchine al Pesto
LA VERA RICETTA  DEL CROCCANTE ITALIANO
SEPPIE MARINATE AL PROFUMO DI BERGAMOTTO
I 3 cibi più alla moda per il menu e il catering del vostro evento
Prodotti tipici
Il Pecorino di Pienza
Pane e Olio #7 Appuntamento in frantoio
Il caffè al ristorante: la perfetta chiusura del pasto
Seadas
La carne chianina alla Bottega de La Toraia
Pasticcerie
Tra dolci e gelati spuntano i nuovi STORYTELLER
Luca Montersino golosidisalute.it
Pasticceria GMB  Castiglione del Lago
Magie Dolci D’Autore Pasticceria & Wedding Cakes